Share

Storia delle ricerche di frontiera sulla memoria dell’acqua

scritto il 30 gennaio 2010 da Ing. Claudio Cardella |  un commento  

Convegno: Sette anni di lavori sulle frontiere della scienza
Data: 14 dicembre 2006
Luogo: Università “La Sapienza” – Roma
Relatori: Ing. Claudio Cardella, Giuliano Preparata, Jacques Benveniste

La storia della memoria dell’acqua s’intreccia inestricabilmente con lo sviluppo dell’omeopatia moderna poiché questa presuppone quella, in assenza di un principio attivo chimicamente osservabile.

Farò solo pochi nomi; sia perché inevitabilmente ne trascurerei troppi, ma soprattutto per non dare adito a diatribe di primogenitura.

Una cronologia di base per l’omeopatia

Leon Vannier medico, insieme a René Baudry, farmacista, fonda nel 1911 a Parigi la Pharmacie Genérale Homeopathique Francaise, che viene rilevata nel 1945 da Jean Boiron, farmacista, noto per i suoi studi pionieristici sull’effetto del rimedio omeopatico sulla biologia vegetale a partire dagli anni ’50

di particolare interesse i suoi esperimenti sulla germogliazione di grani precedentemente intossicati con un veleno e successivamente trattati col medesimo veleno omeopatizzato: cfr. Ann. Hom. Fr. 1967;9: 121-130, ibid. 1962a;4:789-795, ibid.1962;5:738-742

Una cronologia di base per le ricerche sulla memoria dell’acqua

Giorgio Piccardi dal 1954 scrive e pubblica sulle “strane” proprietà dell’acqua che egli definisce “attivata”.

On the dependence of chemical-physical phenomena on the environmental factors: new results and their possible interpretations. Geofisica e Metereologia 2:70, 1954.

Scrive tra l’altro:

forse è per mezzo dell’acqua e dei sistemi acquosi che le forze esterne possono interagire con gli organismi viventi.

La prima teoria scientifica sul meccanismo d’azione del rimedio omeopatico è di Francesco Pannaria

introduzione del libro di Alberto Lodispoto, “Storia dell’omeopatia in Italia” – Roma 1962.

Pannaria fonda le sue argomentazioni sulle proprietà della “materia pura” (“le milieu subquantique” di Dirac) postulata nel 1949 da Francesco Severi, di cui egli fu allievo e collaboratore.

Merita infine la nostra riconoscenza anche Luigi Fantappié, che fu assistente di Francesco Severi (alla cattedra di Analisi Infinitesimale, 1923) per la sua coraggiosa “Teoria unitaria del mondo fisico e biologico” (Roma 1944) con cui gettò il primo ponte tra fisica e biologia.

Il problema della memoria dell’acqua

L’ormai annosa controversia sulla “memoria dell’acqua” è dovuta, da un lato, al conflitto tra l’abbondante messe di risultati sperimentali ottenuti dall’omeopatia e l’inadeguatezza delle teorie fisico-chimiche a spiegarli compiutamente e, dall’altro, alla diffidenza che la fisica e la chimica hanno storicamente mostrato verso quegli stessi risultati sperimentali. Al tempo stesso la ricerca sull’omeopatia e le ultra diluizioni richiede intrinsecamente un approccio multi-disciplinare.

Un esempio per tutti a dimostrare la barriera che la scienza accademica oppone alla ricerca di frontiera.

Occorre fare una breve premessa. Nel 1978 ero venuto a sapere, da un vecchio articolo di Scientific American (1962), di un esperimento ove un cuore di rana reagiva a una soluzione omeopatica di digitalis nella stesso modo in cui reagiva alla digitale in quantità ponderabile. Ciò m’indusse a scrivere, in collaborazione con Fulvio Di Pascale, medico, un articolo dal titolo: “Il ruolo dell’acqua nei sistemi biologici” ove tra l’altro sostenevo l’esistenza della memoria dell’acqua. Nel 1982, dopo aver inutilmente tentato per tre anni di pubblicarlo su riviste internazionali (Nature, Foundations of Physics, Origins of Life), inviai il manoscritto, per un autorevole parere, a Linus Pauling, noto per la sua apertura mentale verso le idee nuove. Egli mi rispose testualmente:

I do not think that it is possible that any active principle can be effective at a dilution far below 10-35 , because this is far far less than one molecule per litre. I doubt that water is endowed with a memory …

A prova che non aveva mai avuto alcun sentore dell’omeopatia.

Ogni sperimentazione si fonda su ipotesi di lavoro

Finora, le ipotesi concernenti la memoria dell’acqua sembrano ancora lontane dal rappresentare teorie fisiche o scientifiche consistenti perché non forniscono esperimenti quantitativamente riproducibili. D’altro canto sembrano inadeguate a delimitare, generalizzare e formulare predizioni sui fenomeni macroscopici osservabili e da lungo tempo osservati in questo campo. Al proposito ricordiamo che già nel 1986 un articolo di Lancet affermava, sulla base di una metaricerca scrupolosamente condotta, la realtà terapeutica dell’omeopatia.

cfr.: Reilly D., Taylor M.A., Mc Sherry C., Aitchison T. – Is homeopathy a placebo response? Controlled trial of homeopathic potency, with pollen in hayfever as model. – The Lancet 1986;19:881-886.

Lo stato della ricerca

Il dibattito fondamentale in seno alla ricerca sulle ultra diluizioni è il trasferimento e l’immagazzinamento dell’informazione nelle soluzioni acquose da un lato, e nelle cellule biologiche con incapsulamento acquoso dall’altro.

La percezione generale della conservazione dell’informazione è che questa sia mantenuta da qualche tipo di ordine o di struttura ordinata in seno al tessuto del vettore dell’informazione stessa ossia della soluzione acquosa o della cellula biologica.

Da qui il dilemma sulla struttura ordinata dell’informazione. Un ordine a macchia di leopardo, come i domini di coerenza, oppure un cambiamento di stato globale dell’intera massa acquosa? Questo è il terreno di confronto tra la meccanica quantistica e la meccanica classica. Infatti l’acqua e le soluzioni acquose giocano un ruolo speciale tra i liquidi: poiché la molecola costituente è formata da un atomo grande, massivo, e polarizzato, (lo ione negativo di O): da cui risulta una lunghezza d’onda di de Broglie grande rispetto alla dimensione atomica, onde l’atomo di O può essere considerato un oggetto della meccanica classica (Newtoniana) che risponde all’equazione di Van der Waals), e da due atomi piccolissimi e polarizzati (gli ioni H) la cui lunghezza d’onda di de Broglie è dello stesso ordine di grandezza della dimensione atomica, ciò che rende oggetti di natura quanto-meccanica.

La visione quanto-meccanica non riesce a colmare la distanza tra il livello microscopico (quello dell’interazione molecolare), e i fenomeni ormai osservati e misurati a livello macroscopico tra cui: variazione di pH, della costante dielettrica, dell’entalpia di mescolamento e un’apparente inversione della freccia del tempo. L’ estensione quanto-elettrodinamica di questa visione implica le fluttuazioni del vuoto (ovvero la “materia pura” di Severi-Pannaria) ma tuttavia rimane incapace di spiegare proprietà fondamentali delle soluzioni acquose che hanno ricevuto un trattamento omeopatico tra cui l’inversione della freccia del tempo manifestata dall’entalpia di mescolamento e l’inversione delle proprietà del principio attivo (legge di Arnoldt-Schultz) .

La visione “classica” s’impernia sull’azione dei legami idrogeno, che determinano la formazione di una struttura estesa. Ma quanto estesa? È lecito considerare tutta la massa acquosa completamente strutturata da un reticolo quasi cristallino globale articolato in legami deboli e in legami forti? Solo l’esistenza di una struttura globale di questo tipo è infatti in grado di dar conto dell’interazione dell’acqua, -già ampiamente osservata sperimentalmente- anche con campi e.m. ultra deboli.

ad es. cfr.: Cardella C., De Magistris L., Florio E., Smith C. W. – Permanent Changes in the Physico-Chemical Properties of Water Following Exposure to Resonant Circuits. – Journ. Sc. Expl. 15;4:501-518.

In conclusione, la strada più promettente per lo studio della memoria dell’acqua sembra essere un modello ibrido che tenga conto al tempo stesso dell’esistenza di una struttura globale e del suo sfondo di materia pura, o sub-quantico che dir si voglia. Questo sfondo di retroscena della scena fisica potrebbe essere la lavagna su cui le antimolecole di Severi Panaria ovvero le fluttuazioni del mezzo subquantico imprimono la memoria dell’acqua.

Rimane ancora un interrogativo fondamentale, soprattutto ai fini biologici: l’acqua deve essere considerata come una molecola COMPOSTA di oggetti meccanici e quanto-meccanici, oppure come un tutt’uno nuovo e originale COSTITUITO da oggetti che tuttavia non sono più reperibili né separabili in quanto tali finché l’acqua permane nel suo stato chimico fisico?

Commenti

 Segui i commenti di “Storia delle ricerche di frontiera sulla memoria dell'acqua” via RSS.

 Segui i commenti di “Storia delle ricerche di frontiera sulla memoria dell'acqua” via RSS.

Scrivi un commento

Chi siamo

Dr. Elio Sermoneta, fondatore del sito e pioniere della metodica, e il Gruppo di Ricerca: Team e Collaboratori.

Date e Luoghi

I dettagli dei prossimi eventi e le indicazioni per incontrare il Dr. Elio Sermoneta su Appuntamenti.

Contattaci

Vuoi contattare il Dr. Elio Sermoneta o i membri del Gruppo di Ricerca? Seleziona il collegamento Contattaci