Tag «Giuseppe Vitiello»

 

Transduction of DNA information through water and electromagnetic waves

scritto il 10 gennaio 2015 da WebMaster |  nessun commento

The experimental conditions by which electromagnetic signals (EMS) of low frequency can be emitted by diluted aqueous solutions of some bacterial and viral DNAs are described. That the recorded EMS and nanostructures induced in water carry the DNA information (sequence) is shown by retrieval of that same DNA by classical PCR amplification using the TAQ polymerase, including both primers and nucleotides. Moreover, such a transduction process has also been observed in living human cells exposed to EMS irradiation.

These experiments suggest that coherent long range molecular interaction must be at work in water so to allow the observed features. The quantum field theory analysis of the phenomenon is presented.

Leggi l'articolo

Non proprio “acqua fresca”

scritto il 29 ottobre 2014 da WebMaster |  nessun commento

Le ricerche sull’acqua procedono a ritmo serrato: oggi si parla di acqua coerente o informata e potrebbe spiegare come funzionano i rimedi omeopatici o i fiori di Bach.

Un’ottima opportunità per incontrare i ricercatori impegnati negli studi è il convegno “L’acqua e l’ambiente in prevenzione oncologica”, in programma a Erba (Como), i prossimi 14 e 15 novembre. Nel comitato scientifico anche il professor Franco Berrino. L’evento è organizzato dall’Istituto Nazionale dei Tumori di Milano (INT).

Siamo di fronte a una svolta: l’acqua viene ormai vista come elemento fondamentale nella trasmissione energetica e come messaggero di informazioni cellulari. Lungi dall’essere un materiale inerte si configura come il “direttore d’orchestra” delle funzioni organiche.

La giornata del 14 Novembre è dedicata al professor Emilio Del Giudice e ai suoi pionieristici studi sul ruolo dell’acqua nella materia vivente. A ricordare Del Giudice saranno presenti i suoi più stretti collaboratori:
Alberto Tedeschi, Roberto Germano, Giuseppe Vitiello, Vittorio Elia, Antonella De Ninno, Nicola Del Giudice.

Convegno aperto a tutte le professioni sanitarie e altri professionisti coinvolti nell’assistenza al paziente oncologico. Trovate la scheda d’iscrizione sul sito dell’INT nella sezione Eventi e Formazione.

È previsto il pagamento di una quota di iscrizione. Crediti ECM ai partecipanti.
Segreteria organizzativa: 02-23902802/214

Scarica il Programma completo.

Leggi l'articolo

Il sapere senza confini: l’eredità del fisico Emilio Del Giudice

scritto il 14 giugno 2014 da WebMaster |  nessun commento

Fonte: il Cambiamento

La sua morte non ha interrotto quella rete di ricerche, di competenze e di intuizioni che lo avevano reso una grande mente durante la sua vita. Il fisico Emilio Del Giudice, scomparso tre mesi fa a 74 anni, ha lasciato la sua importante “eredità”, il suo lascito, una immensa mole di lavoro cui i suoi collaboratori stanno dando un seguito. E intanto la tv francese è in procinto di trasmettere un film sulle sue scoperte riguardo la memoria dell’acqua, pubblicate insieme al premio Nobel Luc Montagnier.

Dr. Elio Sermoneta da sinistra: Luc Montagnier, Giuseppe Vitiello, Emilio Del Giudice, Alberto Tedeschi

Un film sugli studi che il team di Emilio Del Giudice, insieme a Luc Montagnier, ha condotto sulla memoria dell’acqua: è quanto è in procinto di andare in onda sul canale della tv francese France 5, con interviste a Montagnier, allo stesso Del Giudice prima della sua morte, al braccio destro Alberto Tedeschi e al fisico Giuseppe Vitiello. Le riprese sono state realizzate poco più di un anno fa e la parte delle immagini non utilizzate verrà donata ai collaboratori di Del Giudice che ancora proseguono sulla strada da lui segnata.

Leggi l'articolo

Un infinito vuoto per la nuova Scienza

scritto il 3 febbraio 2014 da WebMaster |  2 commenti  

Il 31 Gennaio 2014 Emilio Del Giudice (Fisico teorico, Prigogine Medal 2009) ci ha lasciato.

Non è facile scrivere un ricordo per un uomo che ha sempre comunicato un netto senso di un gioioso ed eterno presente.

Dr. Elio Sermoneta
da sinistra: Luc Montagnier, Giuseppe Vitiello, Emilio Del Giudice, Alberto Tedeschi

Emilio Del Giudice si laurea in Fisica a Napoli all’inizio degli anni ’60 del XX secolo, seguendo i suoi sogni giovanili alimentati dai libri della tradizione progressista che vedevano la scienza come avanzamento per l’umanità. Appena laureatosi e preso contatto col mondo della ricerca, fu colpito negativamente dall’imperante eccesso di tecnicismo e molto spesso ne traduceva l’aspetto concettuale con grande chiarezza, rendendolo trasparente anche ai non addetti ai lavori. Proprio per questo divenne molto popolare e amato anche al di fuori del mondo scientifico. Le sue relazioni, rigorose eppur ricche di immaginazione, grazia, ironia e saggezza, aprivano la mente e il cuore.

Negli anni settanta del ‘900, Emilio Del Giudice fu attivo nelle coeve agitazioni politiche sociali, maturando la consapevolezza che il pensiero scientifico che ogni epoca esprime è sempre in stretta relazione con le aspirazioni di cambiamento e di emancipazione sebbene contrastate dai freni della conservazione, e che il tipo di scienza che in ogni epoca è stata costruita aveva sempre strette relazioni coi sogni, le aspirazioni, le velleità della gente che l’aveva costruita e che quindi i periodi di avanzamento (o di regresso scientifico) coincidono sempre con i periodi in cui gli occhi della gente sono più aperti (o più chiusi).

Leggi l'articolo

Ricerche sistemiche in filosofia, nelle scienze e nelle arti

scritto il 15 gennaio 2014 da WebMaster |  nessun commento

Università Cattolica del Sacro Cuore
Dipartimento di Filosofia

Venerdì 17 gennaio 2014
Aula esercitazioni del Dipartimento di Filosofia
Edificio Gregoranium, III piano

Sul bosone di Higgs

prof. Giuseppe Vitiello, Università di Salerno
ore 15:00

La storia comincia con la formulazione, da parte di Fermi nel 1934, della teoria delle interazioni deboli, quelle che, per esempio, controllano il decadimento del neutrone.

In verità una teoria alquanto paradossale dal momento che si accorda in modo accurato con gli esperimenti, ma… fino ad un certo punto, per energie non superiori ad un certo valore, oltre il quale la teoria “non esiste”, nel senso che la misura di quantità osservabili dovrebbe tendere ad un valore infinito al crescere dell’energia, risultato manifestamente non accettabile.

Altro aspetto alquanto insoddisfacente è che nella teoria di Fermi l’interazione tra le particelle non è “mediata” da alcun “messaggero”, come ad esempio accade nella teoria delle interazioni elettromagnetiche dove il messaggero è il fotone e l’accordo sperimentale è eccellente. Si pensa allora di usare quest’ultima come paradigma, cioè di riformulare la teoria di Fermi modellandola su quella elettromagnetica, ma l’impresa è ardua … essenzialmente perché il paradigma (detto delle teorie di gauge) prevede che il messaggero sia una particella priva di massa, il che garantisce che l’interazione si manifesti anche a grandi distanze.

Questo contraddirebbe il dato sperimentale che mostra che le interazioni deboli invece svaniscono a grandi distanze (grandi rispetto alle dimensioni nucleari). E allora? Errando in un territorio inesplorato, tra non pochi ostacoli e pregiudizi, la fantasia, la matematica e l’intuito alla fine suggeriscono che la soluzione è nell’imprevedibile pienezza del vuoto … E così sembra che sia.

Spiegazione teologica

prof. Alessandro Giordani, Università Cattolica del Sacro Cuore
ore 17:00

Coordina l’incontro LUCIA URBANI ULIVI, docente di Filosofia della mente e di Istituzioni di metafisica dell’Università Cattolica del Sacro Cuore.

Info

Dipartimento di Filosofia
Largo A. Gemelli, 1 – Milano
Tel. 02 7234 2623
email: dip.filosofia AT unicatt.it

 

Leggi l'articolo

Chi siamo

Dr. Elio Sermoneta, fondatore del sito e pioniere della metodica, e il Gruppo di Ricerca: Team e Collaboratori.

Date e Luoghi

I dettagli dei prossimi eventi e le indicazioni per incontrare il Dr. Elio Sermoneta su Appuntamenti.

Contattaci

Vuoi contattare il Dr. Elio Sermoneta o i membri del Gruppo di Ricerca? Seleziona il collegamento Contattaci